Cerca nel blog

Choose your language:

domenica 2 marzo 2014

VII° Lezione sulle prove dell'esistenza di Dio ( Hegel)




Un fattore importante nelle prove dell'esistenza di Dio è che si abbia un concetto di Dio, Hegel aveva già detto che non tutti i popoli hanno elevato se stessi ad un concetto simile come quello di Dio. Quindi il punto è determinare questo concetto di Dio, esso deve contenere le determinazioni che Dio è, ma queste ovviamente non lo esauriscono mai. Dio è, ma questo non dice nulla su cosa sia Dio e il cosa è Dio lo vediamo nel concetto stesso con le sue determinazioni. L'idea teologica sarebbe che tutti gli uomini abbiano lo stesso concetto di Dio, del resto normalmente Dio è pensato come quel qualcosa di cui non può essere pensato nulla di più grande ( Anselmo D'Aosta), oppure come somma perfezione ( Descartes ) o ancora esistenza pura ( Tommaso D'Aquino ), di fatto Hegel attribuisce a Dio caratteristiche come la perfezione, la totalità , l'infinitezza, l'assoluta necessità, ma dice sempre che tutto questo non esaurisce Dio. Si era già detto che era nel torto chi pensava che non fosse possibile nessuna conoscenza di Dio, ma quello che conta è: abbiamo un concetto vero di Dio? qui per vero, alla fine viene inteso semplicemente possibile, dunque quello che conta è che il concetto di Dio non abbia in qualche modo in sé delle contraddizioni, il che è facile a mostrarsi. Il punto è che la prova, in particolare quella ontologica mira a mostrare che noi non abbiamo solo un concetto vero di Dio, ma che questo concetto designa qualcosa di reale e vero, dunque che Dio non è solo mero concetto, ma esiste sul serio. Dio è autonomia fra le tante cose, quindi non può procedere fuori di sé, perché si suppone che questo fuori di sé non abbia senso, data la sua infinitezza e da quello che si comprende il concetto di Dio finisce per essere il concetto per eccellenza. Il concetto come si diceva è fatto di determinazioni, il determinare è semplicemente quell'"è", dire cosa sia un certo ente o essere, in questo caso si parla di Dio; se non ci fossero determinazioni Dio sarebbe del tutto indeterminato, ma certo non si penserà mai che la totalità di Dio si esaurirà nelle sue semplici determinazioni. Il concetto così di Dio è fatto di queste determinazioni, anche se non è semplicemente queste come singole, ma è certo unità la dove queste entrano in relazione, oltretutto le determinazioni rimangono ancora su un piano astratto, sono determinazioni generali dell'essere. Qui viene il punto der Begriff ( il concetto ) e die Idee ( l'idea )sono due cose diverse per Hegel, il concetto è pur sempre una totalità, ma è ancora astratta, l'idea invece avrebbe questa caratteristica di possedere in sé delle determinazioni concrete. Da tenere presente che il concetto non è mai un punto di partenza, ma se mai una totalità che si realizza, quindi un punto di arrivo. Si deve capire che in fondo per Hegel il vero è l'intero ( die Wahrheit is das Ganze ), quindi la verità è sempre una totalità, ma la totalità si deve compiere nel processo dello Spirito assoluto. Nella sezione della logica dell'Enciclopedia delle scienze filosofiche Hegel definisce così il concetto e l'idea:

" Il concetto è ciò che è libero, è la potenza sostanziale per sé stante, ed è totalità, giacché ciascuno dei momenti è il tutto del concetto, ed è con esso in unità inseparata. Il concetto è dunque ciò che, nella sua identità con sé, è in sé e per sé determinato." ( Hegel, Georg, L'enciclopedia delle scienze filosofiche, Laterza, Bari, 2009, pp. 159 )

" L'idea è il vero in sé e per sé, l'unità assoluta del concetto e dell'oggettività. Il suo contenuto ideale non è altro che il concetto nelle sue determinazioni: il suo contenuto reale è solo l'esposizione, che il concetto si dà nella forma di esistenza esterna; è questa forma, inclusa nella idealità di esso, nel suo potere, per tal modo si mantiene nell'idea." ( Hegel, Georg, L'enciclopedia delle scienze filosofiche, Laterza, Bari, 2009, pp. 198 )

Sembra in realtà per Hegel, l'idea un'evoluzione del concetto; in effetti, nella definizione che io ho citato l'idea sembra trovare appunto l'unità tra una componente che continua a essere il concetto e un'altra che è invece quell'elemento oggettivo, che poi sono quelle determinazioni concrete che vanno ad aggiungersi nell'idea. In pratica il concetto e l'oggetto sono termini della logica hegeliana che costituiscono una tesi e un'antitesi, l'idea rappresenta il momento dell'Aufhebung ( la sintesi, il superamento ). L'oggetto stesso alla fine diventa quella determinazione concreta, perché se il concetto era quell'elemento soggettivo, invece l'oggetto e il concreto sono quella componente antitetica oggettiva. L'idea, invece, sarebbe sintesi di queste due componenti. È assai difficile devo dire, spiegare cosa siano questi elementi concreti. La lezione si conclude in realtà arrivando al livello sommo, che è quello dello Spirito stesso definito così:

" La massima intensità del soggetto nell'idealità di tutte le concrete determinazioni, delle più alte opposizioni, è lo spirito. " ( Hegel, Lezioni sulle prove dell'esistenza di Dio, Morcelliana, pp. 125 )

Lo spirito assoluto può essere definito come unione di logica e natura, l'Idea è quel soggetto che compare nell'Enciclopedia delle scienze filosofiche che pone se stessa, si aliena nella natura, nel suo altro e torna a se stessa realizzando se stessa. L'ultima sezione dell'opera è quella dedicata allo spirito assoluto, laddove avviene questo compimento. Questa lezione alla fine tratta questo argomento, parlando di come l'idea si cali nella natura, ma parlare della religione in realtà significa concentrarsi molto su uno di quei momenti dello spirito assoluto.

Bibliografia:

Hegel, G., W., Vorlesungen über die Beweise vom Daseyn Gottes, 1829. Trad. Tassi, Adriano, Lezioni sulle prove dell'esistenza di Dio, Morcelliana, Brescia, 2009.

Hegel, G., W., Enzyklopädie der philosophischen Wisdsenschaften im Grundrisse. Croce, Benedetto, L'enciclopedia delle scienze filosofiche, Laterza, Bari, 2009.




Altri post collegati: 



Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.