Cerca nel blog

Choose your language:

giovedì 15 gennaio 2015

L'azienda e come funziona. Che cos'è? e quali sono le sue funzioni?









Scrivo su come funziona l'azienda, perché vorrei che questo testo da un lato sia completo e dall'altro sia aperto anche ai non specialisti, pertanto credo sia necessario per le note ragioni, che si scriva a proposito di tutto ciò per chiarificare quello che è uno dei maggiori soggetti economici. Il termine azienda è un po' diciamo vago e se preso così come è, molto generico. Ci sono diciamo due tipi di aziende, una è quella che produce beni e servizi, la quale è meglio denominata impresa, la seconda invece eroga servizi e beni, è semplicemente azienda. Nel primo caso possono rientrare la Fiat, un programma della televisione o la telecom, mentre nel secondo caso ci troviamo di fronte a cose come gli ospedali. Si può leggere l'azienda con lo schema naturale dell'input e dell'output, ci sono cose che entrano e altre che escono, per esempio entrare entrano i finanziamenti delle banche, il lavoro, le materie prime; uscire escono i prodotti finiti e i servizi. L'azienda quindi è un sistema la quale presuppone un ambiente che la circonda e dovrà avere delle relazioni con tale ambiente, esso può avere varia natura: economica, politica, sociale ecc... . L'Azienda e anche l'Impresa nascono per soddisfare dei bisogni dei possibili clienti, ovviamente questa è una lettura o almeno vorrei che fosse così pensata, vedremo poi nel corso del libro come si posso dare versioni diverse, nel senso che se l'azienda produce, ci sono molte aziende in concorrenza e del resto molto del consumo è spreco, quali sono questi bisogni? è davvero così?. Il mercato è il luogo dove l'azienda cerca o clienti o materie prime o altro ancora. Il mercato è un ambiente. Se l'azienda vuol essere competitiva sul mercato, deve avere almeno tre presupposti: uno l'equilibrio economico, il secondo è l'equilibrio finanziario, mentre il terzo è l'equilibrio patrimoniale. L'equilibrio economico si raggiunge quando i ricavi sono maggiori dei costi, quando ciò accade l'azienda realizza dell'utile. Un secondo equilibrio è quello finanziario, esso è raggiunto quando le entrate monetarie sono maggiori delle uscite; in questo caso le entrate si calcolano non solo tenendo conto i ricavi ma anche i vari finanziamenti, così come nel caso delle uscite si tiene conto anche dei soldi che si pagano. Se gli investimenti a breve termine non sono coperti dai finanziamenti a breve, in generale se non ci sono finanziamenti necessari per coprire gli investimenti, allora non c'è equilibrio finanziario. La terza forma di equilibrio è quello patrimoniale, questo si può raggiungere, se il capitale proprio è uguale al capitale che proviene dall'esterno. Una situazione che funziona si ha quando i debiti non superano o sono inferiori al patrimonio netto, perché così con proprio capitale si riesce a rimborsare i debiti. Detto ciò conviene capire come sia suddivisa un'azienda, qui troviamo diverse funzioni a seconda dello scopo, per esempio alcune sono la base dell'azienda, ovvero la produzione, la logistica, il marketing e la ricerca e sviluppo; altre funzioni sono più di appoggio, come il caso del settore della finanza o quella dell'organizzazione del personale, un terzo tipo di aree o funzioni in azienda è costituito dalla pianificazione strategica o dall'amministrazione e controllo.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.