Cerca nel blog

Choose your language:

domenica 10 gennaio 2016

Analitica trascendentale, p I (critica della ragion pura, Kant)








Abbiamo visto nell'analitica la facoltà della sensibilità con le sue condizioni a priori. La facoltà della sensibilità ci da intuizioni che non sono altro che  i dati che vengono dagli oggetti esterni e quindi producono delle modificazioni nei nostri sensi. Noi conosciamo il mondo solo come insieme di fenomeni, non conosciamo il mondo, ma solo i fenomeni in esso. Questi fenomeni sono le cose così come ci appaiono. Quelle sensazioni che noi abbiamo provengono dai 5 sensi, ma non costituiscono ancora una vera percezione, in quanto dovranno essere unificate successivamente dalla sintesi dell'immaginazione. Queste intuizioni possono essere pure o empiriche, nel primo caso si parla delle condizioni a priori della sensibilità: spazio e tempo, che sono pure intuizioni vuote; nel secondo caso di parla di intuizioni che si riferiscono davvero a dati empirici. Adesso parlando dell'analitica si affronterà la questione dell'intelletto. L'intelletto ha per oggetto i concetti, ma anche i concetti possono essere puri, in qual caso si parla delle categorie dell'intelletto, oppure possono essere empirici. I concetti puri sono vuoti, come è vero che i concetti senza intuizioni sono vuoti, questo li rende diversi dai concetti empirici che concetti con intuizioni. Ma le intuizioni senza i concetti sono cieche e questo vuol dire non solo che dopo tutto Kant da ragione sia al razionalismo e che all'empirismo, dicendo che la conoscenza comincia con l'esperienza, ma non finisce con questa, vuol dire anche che non si da conoscenza che non sia quella che si riferisce all'esperienza. In questo senso, oltre a far cadere ogni forma di conoscenza che non si basi sull'esperienza come la metafisica, sta dicendo che quelle che categorie o concetti vuoti, di cui parlerò meglio più avanti, non hanno altra applicazione che non sia quella alle intuizioni, in quanto la sostanza o si riferisce ad un oggetto che abbiamo visto, come quel qualcosa che permane di quell'oggetto nonostante i suoi mutamenti, o non è nulla e vi sono altre sostanze oltre a questa. L'Analitica è preceduta da una Logica trascendentale, la logica non è unica, ne esistono di vario tipo: c'è una logica generale, una logica applicata e poi c'è la dialettica. La logica generale è puramente formale, la logica applicata è psicologica, la dialettica, per cui Kant a poca considerazione, non sarebbe altro che vuol ragionare vuoto dei sofisti che però pretenderebbe di avere un qualche contenuto. Secondo Kant la logica non ha fatto nessun passo avanti dai tempi di Aristotele a lui, essa è sempre la stessa invariata. La logica di Aristotele, che è quella classica, ha tre principi: A=A (principio dell'identità), A v ~ A (principio del terzo escluso), ~(A & ~A) (principio di non contraddizione). I giudizi sono pensati come soggetti a cui viene predicato qualcosa, questi poi dovrebbero, se corrispondono a fatti, se cioè, sono veri, corrispondere a sostanze con determinati accidenti (per dirla alla Tarski il gatto è bianco ↔il gatto è bianco). Nell'esempio: il gatto è bianco, il soggetto è il gatto e il predicato è la qualità bianco, ma mentre Aristotele è convinto che questo può essere vero semplicemente perché effettivamente esiste una sostanza gatto che ha un accidente che è la bianchezza, il discorso di Kant non differisce tantissimo se non che il gatto è determinato come sostante in quanto questa è una delle categorie che vedremo far parte dell'intelletto e la bianchezza rientrerebbe sotto la voce: qualità. Questo perché il fenomeno è anche determinato concettualmente dall'intelletto, ma a ciò ci arriveremo per gradi. In primo luogo per Kant esistono varie forme di giudizio: giudizi categorici e giudizi sintetici; giudizi a priori e giudizi a posteriori. A questo punto ci saranno giudizi categorici a priori, giudizi sintetici a priori e giudizi sintetici a posteriori. Il giudizio categorico è tale per cui nel soggetto è già contenuto il predicato, per esempio quando si dice che il triangolo ha tre lati, o che la molecola d'acqua sia H2O. Questo tipo di giudizio non ci dice nulla di nuovo sul soggetto, quindi ha carattere tautologico, infatti questi due giudizi possono essere anche scritti: quell'ente con tre lati ha tre lati, la molecola H2O è H2O, dopo tutto, tutto questo è vero per definizione e il secondo elemento non aggiunge niente al primo. Per questo motivo, dal momento che i giudizi categorici hanno questa caratteristica, si deduce che non possono esistere giudizi categorici a posteriori, ma solo a priori. I giudizi sintetici invece hanno la caratteristica di costituire veramente una nuova conoscenza, per esempio: 2 + 5 = 7. Quest'ultimo giudizio non duce nulla su un dato soggetto, non si può derivare dal 2 il 5. Il punto per Kant è che esiste una netta differenza tra "Socrate corre" e "la terra ruota attorno al sole", in quanto il primo giudizio è sintetico come il secondo, ma è a posteriori perché non possiamo sapere della sua verità se non qualora dovessimo vedere Socrate correre e questi giudizi sintetici a posteriori non hanno validità universale e necessaria perché infatti Socrate può smettere di correre quando vuole, così come fenomeno non dedotto a priori può cessare in qualsiasi momento. "Socrate corre tutte le mattine, quindi correrà anche questa mattina" si basa semplicemente su una deduzione derivata dall'abitudine, per questo è una deduzione molto debole. Mentre "Socrate corre tutte le mattine", nonostante l'apparenza non ha nulla di universale e necessario, "la terra ruota attorno al sole" invece è un giudizio sintetico a priori, quindi universale e necessario, in quanto è dato come verità da una deduzione pura a partire dalle categorie dell'intelletto.

Esistono per Kant delle tavole vere e proprie del giudizio che classificano le varie forme di giudizio. Queste tavole sono le seguenti:

Quantità: universali, particolari, singolari.

Qualità: affermativi, negativi, infinitivi.

Relazione: categorici, ipotetici, disgiuntivi.

Modalità: problematici, assertori, apodittici.

Queste tavole determinano i giudizi secondo il loro tipo, ad esempio: un giudizio affermativo può essere: "il delfino è un mammifero", uno negativo: "A Matteo non piace il rosso", uno universale: "Tutti gli uomini vengono dalle scimmie", uno ipotetico: "se farai tanto sport, migliorerai il tuo fisico". I generale non è difficile capire il senso di queste forme di giudizio, tranne per una che è quella degli "infinitivi", in cui Kant precisa che dire "l'anima è non mortale" non è lo stesso di dire che "l'anima è immortale", il primo giudizio è detto infinitivo, perché due negazioni non affermano per Kant, anche perché dire che  non si da non X, non significa semplicemente che si da X, per questo il primo giudizio è nettamente diverso dal secondo che è affermativo. Se i giudizi sono ora classificati, sappiamo che un giudizio genericamente è dato da un soggetto e un predicato, qualcosa viene predicata ad un dato soggetto. Devono quindi venire le tavole delle categorie ora. Le categorie  si riferiscono a quel qualcosa che viene predicato al soggetto, per questo diciamo che ognuno dei predicati ricade sempre sotto una categoria, tranne per quanto riguarda la categoria della sostanza che si riferisce direttamente al soggetto del giudizio. Le tavole delle categorie sono queste:

Quantità: unità, pluralità, totale.

Qualità: realtà, negazione, limitazione.

Relazione: inerenza/sussistenza, causalità/dipendenza, reciprocità.

Modalità: possibilità/impossibilità, esistenza/inesistenza, necessità/contingenza.

Ci quattro classi, sotto ogni classe stanno tre categorie. Queste categorie sono concetti puri dell'intelletto alla base della determinazione concettuale del materiale empirico. Prima che avvenga questa determinazione, le varie sensazioni devono aver già subito un processo di sintesi, di unificazione da parte della stessa immaginazione. Questo fatto evidenzia alcune cose strettamente importanti, ovvero non solo il fatto che si deve presupporre questa operazione perché i sensi da soli non basterebbero, ma anche il fatto che questa unità, che poi la troviamo tre le categorie, non è qualcosa che si possa dare prima di questa sintesi. Questo banale fatto ci fa pensare e ci porta a dire che l'unità del fenomeno non esiste prima dell'operazione della sintesi e per questo l'unità dell'oggetto non esiste prima che sia essa stessa costruita dalla sintesi. Della  cosa in sé non si può dire che abbia unità. Le categorie determinano solo successivamente il materiale empirico che è diventato percezione. Queste categorie non hanno nessuna derivazione empirica, esse non possono essere in alcun modo dedotte da ciò di cui noi facciamo esperienza. Infatti già qualcuno aveva tentato questa strada: John Locke, ma secondo Kant è caduto nella fantasticheria e l'altro empirista, quello scozzese: David Hume, era giunto allo scetticismo dichiarando l'impossibilità di derivare a posteriori questi concetti puri o categorie. Kant sostiene che si possono dare semplicemente a priori questi concetti come condizioni di possibilità dei concetti. Chiaramente in questo momento facciamo riferimento non più alla sensibilità, ma all'intelletto. Questa determinazione concettuale, però, ci da solo un molteplice di rappresentazioni, questo molteplice richiede per necessità un ulteriore unità, questa unità sarà l'appercezione trascendentale. Si intende con questo termine una specie di autocoscienza che viene definita con il termine: Io sono, che accompagna ogni rappresentazione. Se non vi fosse questa unità ultima non vi sarebbe che un molteplice di rappresentazioni confuso senza un'unità soggetto a cui si riferiscono, non sarebbero rappresentazioni di nessuno in un certo qual senso. L'Io penso è quindi non qualcosa come un soggetto in sé, ma piuttosto un soggetto fenomenico. Si può dire che l'io penso sia quell'unità soggettiva che più che essere reale, è semplicemente funzione logica, quell'io=io a cui non si può dare contenuto. Tuttavia l'unità, che sia quella dell'io penso o di altro genere, è essenziale in tutto il processo conoscitivo, il quale non è altro che un processo di riduzione del molteplice ad unità. La percezione è l'unità di tante sensazioni, il concetto mette assieme differenti predicati, così come molti accidenti appartengono ad una sola sostanza e le varie rappresentazioni sono riportate ad una sola coscienza. Nel discorso di Kant però sembra che questa unità e il processo di unificazione in realtà sia l'essenziale della conoscenza, così concetti e fenomeni hanno unità, ma non si può dire lo stesso delle cose in sé di cui non si sa nulla. Per questo motivo l'unità si da solo dopo una serie di processi di conoscenza. Il senso esterno ci da le intuizioni come collocate nello spazio secondo le tre dimensioni: altezza, lunghezza e profondità, a queste dimensioni deve essere aggiunta una quarta che è quella del tempo, la quale compete al senso interno. Prima percepiamo delle cose, collocandole nello spazio e poi tutto viene disposto in una sequenza lineare, secondo la linea del tempo e quindi secondo la successione temporale. Il tempo o meglio il senso interno concerne le determinazioni dell'esistenza di ognuno. Ciò che viviamo come esperienza esterna, cose che vediamo, sentiamo coi sensi e ciò percepiamo come sensazioni interne, vitali, tutto viene disposto in una successione secondo la forma del tempo e dal senso interno. L'uomo al di là dell'immaginazione  e della sensibilità possiede tre facoltà: ragione, intelletto e giudizio. Il giudizio non è facoltà di conoscere le regole, quanto piuttosto quella di applicarle. Il giudizio, almeno per quello che si intende nella Critica della ragion pura, è quella facoltà di applicare l'universale al particolare. Non è qualcosa che può essere insegnato o appreso, si può solo sviluppare da sé. Il problema del giudizio nasce quando dobbiamo applicare il concetto al caso specifico o quando dobbiamo applicare la regola al particolare. In questo caso si pone il problema del passaggio dall'universale al particolare e questo passaggio Kant lo risolve in questo modo: ci deve essere qualcosa di mediano tra il particolare e l'universale. questa cosa è la rappresentazione pura che deriva da quello che Kant chiama: lo schematismo trascendentale. L'esperienza richiede sia il concetto che la sensazione, ma nell'esperienza non facciamo altro che applicare concetti alle nostre percezioni, possiamo dire: " il tavolo è rettangolare", "ci sono quattro specchi in bagno", "quest'auto è sporca". Perché si possa dare il passaggio da un universale concetto ad una particolare percezione, per esempio quando dico che "il piatto è rotondo", in quel caso una rappresentazione del cerchio uso per pensare la rotondità del cerchio. I concetti non sono chiaramente immagini, ma le rappresentazioni sì e solo attraverso queste si pensano le cose, come sarebbe difficile dire che quando pensiamo "il pappagallo è verde", non ci raffiguriamo il verde come immagine. Lo schema trascendentale serve perché si possa dare giudizio, questo giudizio è declinabile secondo le tavole che molto prima avevo mostrato e secondo i tipi che avevo detto: analitico, sintetico. Un giudizio analitico è tale per cui il predicato è già contenuto nel concetto, questo vuol dire che in ogni caso che si da un determinata cosa essa ha quel predicato (∀x (Ax →Bx)). Nel caso del giudizio sintetico quel qualcosa che si predica vale per quel caso particolare, per cui si dice che x è y e non che ogni x è y.

Altri post correlati:

Estetica trascendentale (critica della ragion pura, Kant) 

Kant 

Schopenhauer: Kant 

Analitica trascendentale, p II (critica della ragion pura, Kant) 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.