Cerca nel blog

Choose your language:

Visualizzazione post con etichetta fotografia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta fotografia. Mostra tutti i post

martedì 6 ottobre 2015

Passages, Y: Fotografia (Walter Benjamin)






"Q'on ne pense pas que le daguerréotype tue l'art. Non, il tue l'oeuvre de la patience, il rende ommage à l'oeuvre de la pensée." (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.744)

"La riproduzione fotografica di un'opera d'arte come una fase della lotta tra fotografia e pittura." (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.745)

L'idea non è che la fotografia distrugga l'arte, forse la fotografia muove contro la pittura, ma certamente la fotografia diventa un nuovo mezzo di arte, una nuova forma di arte. Il vero problema che pone la fotografia è, secondo Benjamin, il rapporto tra arte e tecnica. La fotografia implica una tecnica di riproducibilità infinita del tutto assente nella pittura, perché mentre nella pittura si può copiare un quadro, ma l'esperienza dell'originale e quella della copia sono diverse (la prima ha un'"aura"), nel caso della fotografia difficilmente si può parlare di originale, si parla semmai di infinite copie senza originale. La riproducibilità connette la fotografia con l'industria e quindi con la tecnica. Il fatto stesso che nelle esposizioni universali fossero presenti delle mostre fotografiche dice tutto, il fatto poi che sempre in questi luoghi, oltre alle fotografie si facesse sfoggio di bellezze nude femminili, aggiunge un aspetto pornografico/espositivo, ma non credete che poi la mostra fotografica possa avere altre qualità da quelle pornografiche/espositive. Dopo tutto la pornografia sia ha quando un fatto viene dirette mostrato senza alcun velo, non necessariamente il fatto deve essere un seno, nel nostro mondo dell'informazione, come spiega Byung-Chul Han, attento lettore di Benjamin, le notizie diventano pornografiche (è l'ideologia della trasparenza ad essere pornografica). La storia della fotografia poi è del tutto particolare come si vede in Chul-Han. Infatti le prime foto erano ritratti e a queste Benjamin gli accreditava ancora un valore culturale, quelle successive acquisiscono un valore espositivo/pornografico, ma tutte queste foto fino a che sono stampate e hanno ancora una base materiale hanno comunque una storia e una "narratività", come nota Chul Han. Infatti una foto si ingiallisce con il tempo e non riesce spesso a mantenere sempre la sua stessa qualità. Con la fotografia digitale, afferma Chul Han, questa "storia" della foto scompare completamente, la sua moltiplicabilità aumenta e diventa "additivà": semplicemente fa numero. Tornando al problema iniziale: la fotografia non uccide l'arte, aggredisce la pittura, tanto che i pittori sembrano minacciati dall'avvento della fotografia a colori e si salvano ancora perché all'epoca la fotografia era in bianco e nero. Chiaramente la fotografia mette fine all'idea che l'arte debba essere copia della realtà, quindi esplodono forme artistiche nel 900' che non riproducono la realtà ma la restituiscono ogni volta trasformata come il cubismo e il surrealismo. Oggi basta un programmino come "Gimp" per dare alla foto un effetto "cubista", tuttavia l'artista può sempre prendere delle foto e inserirle sulla tela, così come già i cubisti facevano con i pezzi di giornale. Tutto questo porta sempre di più il marchio del legame tra la tecnica e l'arte. Walter Benjamin individua tre tecniche nell'800': la prima è quella del ferro, la seconda quella dell'arte macchina e la terza è quella dell'arte luce e fuoco; la fotografia mette assieme le ultime due?.

"Osservazione su Ludovic Halévy: - On peut m'attaquer sur ce qu'on voudre, mais la photographie, non, c'est sacrée-" (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.748)

"Il tentativo di provocare una contrapposizione sistematica fra arte e fotografia è al momento fallito. Essa avrebbe dovuto rappresentare un momento della contrapposizione storica fra arte e tecnica." (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.748)

"Ciò che rende incomparabili le prime fotografie è forse il fatto che esse rappresentano l'immagine del primo incontro fra macchina e uomo." (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.751)

"Una delle obiezioni, spesso inespresse, contro la fotografia: è impossibile che il volto umano sia colto da una macchina." (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.751)

"Napoleone III, passando nel boulevard davanti alla casa di Disderi, ferma il reggimento di cui è a capo, sale e si fa fotografare." (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.752)

Un problema della fotografia: qual'è il suo oggetto? se io vengo fotografato, chiaramente io sono io, ma sono anche quello nella foto?. Di fatto, sopratutto per le prime foto, quando si viene fotografati si deve stare fermi; Nadar dichiara la sua impossibilità nel riuscirci. Non è un caso che Benjamin colleghi la fotografia con le catacombe, alla fine non si tratta di altro che di un'arte della morte. Stare immobili vuol dire tornare al cadavere e quello che ci rende vivi è il fatto che ci muoviamo, con il corpo, con le labbra con gli occhi, in quel modo dimostriamo che abbiamo un'anima. Ho sentito tempo fa che certi egiziani sono convinti che la fotografia porti via l'anima, non è un caso. In Benjamin troviamo però una considerazione del tutto diversa, la fotografia avrebbe come oggetto uno spettro. Le due considerazioni non si escludono a vicenda e si può capire perché citando la concezione della fotografia di Balzac, il quale sembra che sia convinto della teoria dell'Idola o del Simulacro di Democrito in fatto di fotografia. In questo caso si può pensare che il soggetto assunta questa posizione fredda e cadaverica del suo corpo relazionandosi con la macchina fotografica rilasci una specie di pellicola sottile (Simulacro o Idola) che si imprime sull'obbiettivo della macchina fotografica, il risultato è veramente spettrale.

Altri post correlati:

Passages X: Marx (Walter Benjamin) 

Passages, Z: La bambola, l'automa (Walter Benjamin) 

sabato 6 giugno 2015

Passages, Q: Panorama (Walter Benjamin)

 


(Sorhei Nishino: Diorama di Parigi)

"Nessuno ha più voglia di entrare in un panorama con me?" (Max Brod)

Quello che vedete in alto è un diorama di Parigi, molto contemporaneo. All'epoca dell'800' i diorami non erano così, potremmo quasi dire che si sono molto evoluti. Questa sezione Benjamin la dedica ad una parte particolare dello sviluppo della tecnica: quella dei diorami, dei panorami e della fotografia. Louis Daguerre inventò in quel secolo la prima macchina fotografica: il daguerrotipo, una scatola di legno, con una lastra di rame dietro e frontalmente un obbiettivo fisso in ottone e vetro. Per esempio il ritratto fotografico di Edgar Allan Poe è un daguerrotipo o comunque una fotografia scattata con uno dei primi modelli di macchine fotografiche. La camera oscura è lo strumento base che si trova dietro la macchina fotografica, essa è una scatola aperta da un lato per far passare della luce e con un foro, il quale proietta l'immagine fuori della scatola capovolta sulla parete opposta della scatola (un principio simile a quello dell'occhio). 






Il diorama si basa su dei quadri visti con certi luci, o almeno questo era quello che faceva Daguerre. In seguito il diorama si è sempre più evoluto nella direzione di voler riprodurre una realtà tridimensionalmente, per esempio viene usato molto nel modellismo per cercare di riprodurre su scala delle realtà come ponti, edifici, ma anche scene di battaglie storiche, epiche e fantasy (Warhammer). Il panorama, invece, consisteva nella visione di immagini particolari, fotografie, anche colorate successivamente; esso è definito come un peep show diventato di moda, anche per i suoi usi pornografici ed erotici. Un famoso modello di Panorama è il Kaiserpanorama, citato da Benjamin; appoggiando gli occhi ad una macchina, una serie di persone vedevano delle immagini che stavano dall'altra parte, immagini stereoscopiche. Compresi questi strumenti tecnici, cosa vuol dire entrare in un panorama? non è forse come entrare in un sogno?. Già, paradossalmente è ancora più fantasioso, perché nei sogni ci entriamo ogni notte, nei panorami non si conosce nessuno che ci sia entrato. Ad ogni modo Benjamin dice:
" L'«attesa» potrebbe essere associata tanto alla rappresentazione dei Kaiserpanorama quanto alla noia. È molto significativo che nella glossa «Panorama», Brod si sia imbattuto in tutte le voci di questa ricerca: moda, noia, luce a gas ecc." (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.593)
Un'immagine che è sempre la stessa, la schermata della nostra vita: la noia dell'esistenza, perché il mondo non cambia? ma come non cambia? non c'è forse la moda a farlo cambiare, non vanno di moda i Kaiserpanorama? ma è anche noia, luce a gas ("I diorami subentrano alla lanterna magica" (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.593)), innovazione e tutto quanto sta nella rubrica di Benjamin. Diorami e Panorami sono gli antenati della fotografia e del cinema, stanno alla base dalla nascita del mondo della copie senza originali e di quel cammino dell'uomo che vuole frasi creatore di un mondo virtuale. Possiamo dire che molte delle fantasie dell'uomo la tecnologia si avvicina ad avverarle, quelle dei voyeurs avidi di nudi, di chi invece cerca di creare mondi, o semplicemente vorrebbe dare materia ai propri sogni. Dopotutto si parte dalla foto per riprodurre la realtà e immobilizzarla, con i video si cerca di aggiungere il movimento semplicemente basandosi sullo scorrimento delle fotografie, ma tutto rimane molto bidimensionale, dunque si deve dare più profondità alle cose e ora abbiamo il 3d, quello che ci si chiede è: potremmo riprodurre tutto un mondo, farlo così bene da lasciarci alle spalle questa realtà e viverci dentro? (entrare nel panorama, ecco il senso). Dall'altro Benjamin fa notare un tentativo di voler arrivare ad un'arte totale, per esempio quando dice: "Il panottico, una forma dell'opera d'arte totale. L'universalismo del XIX secolo ha nel panottico il suo monumento. Pan-ottico: non solo si vede tutto, ma lo si vede in tutte le maniere". (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.594)
Panottico ricorda Panopticon, il termine usato da Bentham per indicare questo edificio labirintico, del quale, a una creatura esterna non visibile, tutto è visibile. È l'immagine della sorveglianza completa. Qui in Benjamin arriva all'idea del prospettivismo, ovvero l'idea di poter cogliere la cosa in sé al di là dei punti di vista. Vedere in tutti i modi un oggetto vuol dire vederlo completamente, in un modo in cui l'occhio non può vederlo. Per esempio vedo gli oggetti da davanti, da dietro o di fianco, ma mai in tutte queste modalità assieme. Oltre la conquista dello spazio, ve ne è una anche del tempo, per esempio nei diorami. Il diorama nei giochi di luce può essere più o meno illuminato, in questo modo si può dare l'idea dell'osservazione di un dato oggetto in diversi momenti della giornata. Una stessa immagine compare dall'oscurità per poi tornarci. Questo è il destino della tecnica e non solo, o come dice Benjamin: "Nello stesso anno in cui Daguerre inventò la fotografia, si incendiò il suo diorama 1839." (Benjamin, Walter, I passages di Parigi, Einaudi, Torino, 2002, pp.594)


altri post correlati: